Dialoghi con Leucò

Patroclo …. “…meglio soffrire che non essere esistito”

Libro non facile, per me; da sedimentare e rileggere….

Eppure

la natura stupisce sempre per la sua voglia di affermarsi . Dei narcisi sono nati e fioriscono tra le pietre, anche le spighette blu stanno colonizzando l’aiuola delle rose…

Ed intanto Tea aspetta tutto il giorno invano che passi qualcuno

La sindrome del criceto

Per Te che posti le foto del tuo gatto che non è mai uscito di casa e ti stupisci se per cinque minuti di libertà e aria si spiaccica sotto una macchina, per te che se sbagli le dosi di cibo del tuo pesce rosso questo si suicida di indigestione, per te che quando superi in autostrada un camion stipato di maiali che vanno al macello non pensi che dopo aver vissuto tra due sbarre quello è il primo viaggio che fanno e ti sembrano felici…, per te che in Africa muoiono come mosche di fame, ma in fondo è sempre stato così perché te lo dicevano fin da piccolo e ti chiedi perché non hanno fatto la corsa a svuotare il supermercato…. per te mi dispiace moltissimo… per la tua sindrome da criceto in gabbia.

Dieci minuti

di aria nella pausa pranzo .

Sono sempre più d’accordo con Dostoevskij, “la bellezza salverà il mondo”. La bellezza delle cose da cui siamo circondati, ma soprattutto delle persone, che si evidenzia in questi giorni.

Ps. Confesso che ogni volta che devo scrivere Dostoevskij vado sul web e faccio copia-incolla.

Ps2 leggerò mai “L’Idiota”?

Se potessi tornare indietro

a incontrare me stesso più giovane e potessi consigliarmi, c’ho pensato, ma non saprei che dirmi, che errori evitare, che strade diverse prendere… cosa sarebbe cambiato? Ed in meglio? Come posso farlo ora con i miei figli? Forzare una strada o costruire un percorso serve a poco; un ruscello scende dove lo porta “l’inclinazione”.

Firmato

Un genitore apparente assente